A Londra il World Built Enviroment Forum affronta i temi delle nuove tecnologie che cambieranno il modo di fare economia

All’evento londinese le novità sul futuro dell’economia e le leve che muoveranno il mercato del 21° secolo. Che ruolo avranno le nuove tecnologie, i cambiamenti climatici e la ridefinizione dei confini di territorio e città

 

World Built Enviroment Forum | L’evento dedicato alle nuove tecnologie che cambiano l’economia

Londra ospiterà il 23 aprile 2018 un evento globale di grande rilievo per monitorare i grandi cambiamenti che stanno investendo il mondo dell’economia in questi ultimi anni. I temi del World Built Enviroment Forum, che si terrà in 2 giorni, dal 23 al 24 aprile, saranno dedicati alle nuove tecnologie che cambieranno il modo di acquisire conoscenze necessarie per impostare strategie di business – come la moneta elettronica e la cyber security – ma anche l’intelligenza artificiale e di come essi influiranno sulle macro-economie e sull’urbanizzazione delle nuove città.

Le città del futuro tra geopolitica e gestione dei dati

L’evento, al quale parteciperà JB Straubel, il co-fondatore di Tesla, sarà un global network per tutte le professionalità coinvolte nei temi trattati, cioè sviluppatori e fornitori di servizi che vogliono trarre dai nuovi trend prospettive in grado di intercettare soluzioni di successo per il mercato del futuro. La gestione dei dati e la tecnologia, così come il rapporto tra geopolitica e mercato, saranno gli argomenti sui quali riflettere per capire i cambiamenti che interessano le città del futuro.

I temi del World Built Enviroment Forum, che si terrà in 2 giorni, dal 23 al 24 aprile, saranno dedicati alle nuove tecnologie che cambieranno il modo di acquisire conoscenze necessarie per impostare strategie di business

Il ruolo delle metropoli nella distribuzione del potere di compravendita | Decentramento delle funzioni grazie ai trasporti di ultima generazione

In un mercato in evoluzione anche quello immobiliare cambia, attraverso una ridistribuzione del tessuto urbano e novità importanti che riguardano le infrastrutture impiegate per favorire lo scambio di merci e il mercato tra Asia ed Europa. Le città cambieranno anche grazie a strategie che faranno sì che gli ambiti urbani più periferici saranno in grado di godere degli stessi servizi e facilitazioni del centro urbano. Case study per immaginare uno scenario possibile sarà presa ad esempio la città di Londra, ma anche altre città europee o metropoli come Tokyo o New York, le quali economie fanno girare intere nazioni o continenti. Il loro ruolo politico, come afferma George Bull, non sorprende. Si potrebbe ripartire con un decentramento delle metropoli, riconsiderando le distanze e i mezzi di locomozione per raggiungere un polo all’altro della città. In questo le nuove tecnologie applicate ai trasporti giocano un ruolo decisivo: accorciando le distanze si accorciano anche le differenze.

Le città cambieranno anche grazie a strategie che faranno sì che gli ambiti urbani più periferici saranno in grado di godere degli stessi servizi e facilitazioni del centro urbano

La casa prefabbricata e modulare rivoluziona il mercato immobiliare: le novità al World Built Enviroment Forum di Londra

Se in città le cose stanno già cambiando, anche nel mercato immobiliare i trend dettano nuovi equilibri, a partire dalla costruzione delle case. Le strutture modulari e prefabbricate saranno un must nei decenni a venire, mentre anche nelle strade, con le automobili che si guidano da sole, autonome o semi-autonome, si ridefiniranno ancora una volta i confini tra tempo e distanza. Tesla già sta testando modelli automatici di automobile in California e a New York. Non si tratta di futuro prossimo, ma di realtà molto vicine al presente.

RELATED: Casa sulla Cascata di Wright | La decadenza di Falling Water in sincronia con i cambiamenti del paesaggio

Le strutture modulari e prefabbricate saranno un must nei decenni a venire, mentre anche nelle strade, con le automobili che si guidano da sole, autonome o semi-autonome, si ridefiniranno ancora una volta i confini tra tempo e distanza

Cosa cambierà nel commercio del 21° secolo? Le conseguenze delle catastrofi naturali e la ridefinizione dei confini territoriali

Anche l’ambiente naturale avrà il suo peso al World Built Enviroment Forum, soprattutto nella prospettiva delle ultime catastrofi naturali che ultimamente hanno afflitto la terra e hanno avuto un peso notevole nell’economia dei paesi coinvolti. Il Summit è quindi un evento da non perdere per capire quali saranno le leve che muoveranno le dinamiche che influenzeranno il commercio del 21° secolo e dedurre che, proprio come avvenne all’epoca di Cristoforo Colombo e Marco Polo, è il viaggio che fa la differenza, non la destinazione.

 

Casa sulla Cascata di Wright | La decadenza di Falling Water in sincronia con i cambiamenti del paesaggio

Dopo tanti anni, anche la Casa sulla Cascata ha iniziato il suo declino strutturale, che avviene però insieme all’alternarsi dei fenomeni naturali, rivelando ancora una volta il rapporto autentico tra paesaggio e l’architettura di Wright

 

La casa sulla cascata di Wright | il valore unico di un’architettura integrata con la natura

Ancora incanta, con la sua forma perfettamente integrata con la natura circostante, la Casa sulla Cascata dell’architetto americano Frank Lloyd Wright. L’opera si trova a Bear Run in Pennsylvania, negli Stati Uniti, e la sua realizzazione terminò nel 1939. Un’accostamento di volumi inediti richiama l’andamento dei monti boscosi del paesaggio della Pennsylvania in un’armonia che rapisce chiunque abbia la fortuna di andare lì, sul posto. Anche chi non conosce nulla di architettura e della corrente razionalista nella quale è stato classificato il processo ideativo dell’edificio, ne percepisce il valore unico.

Un’accostamento di volumi inediti richiama l’andamento dei monti boscosi del paesaggio della Pennsylvania in un’armonia che rapisce chiunque abbia la fortuna di andare lì, sul posto

La Casa sulla Cascata, o FallingWater, è stata definita la più grande opera architettonica americana non solo del 900. Del resto la corrente architettonica del razionalismo e organicismo è ancora oggi la matrice che guida la progettazione degli edifici contemporanei. Scomponendo e ricomponendo gli elementi degli edifici li ha riconciliati con l’ambiente fino a renderli un organismo unificato. Anche le case modulari che ora vanno molto di moda, sia per la loro versatilità che per le loro qualità eco-strutturali – hanno molto a che vedere con le correnti filosofiche che negli anni ’30 furono la colonna portante della scuola Staatliches Bauhaus – il razionalismo e il funzionalismo.

RELATED: A Londra il World Built Enviroment Forum affronta i temi delle nuove tecnologie che cambieranno il modo di fare economia

Le dinamiche che determinarono l’affossamento della struttura furono risolte con un post-tensionamento del calcestruzzo, ma si ritenne opportuno non modificare la geometria dell’edificio

I problemi strutturali e i lavori dopo più di 40 anni dalla realizzazione | Il decorso dei cambiamenti insieme ai fenomeni naturali

Negli anni ’90 la Western Pennsylvania Conservancy ha messo a punto un programma di restauro della Casa sulla Cascata di Wright per porre rimedio a certi problemi strutturali che emersero già durante la realizzazione dell’opera. L’edificio è infatti stato costruito quando la tecnica del calcestruzzo armato non era ancora largamente utilizzata e apprezzata. La struttura, dotata di diverse terrazze in contropendenza con il terreno, subì una deformazione che interessò proprio le terrazze stesse, che si abbassarono di quasi 20 centimetri. Le dinamiche che determinarono l’affossamento della struttura furono risolte con un post-tensionamento del calcestruzzo, ma si ritenne opportuno non modificare la geometria dell’edificio.

Ora FallingWater è di nuovo stabile, più o meno, ma rimane in bilico. Di fronte alle cascate dove è stata eretta ha accusato in maniera egregia i segni del tempo ma, come del resto tutti gli elementi del paesaggio insieme ai quali sopravvive da decenni, si è mostrata fragile. L’architettura visionaria di Wright conserva nella sua bellezza l’alternarsi delle stagioni e un rapporto risolto con la natura. Nella sua fragilità appare come una vecchia e saggia signora affacciata alla finestra che si gode lo spettacolo della vita, pur facendone essa stessa parte.