L’intelligenza artificiale è un gioco da esseri viventi. La biologia delle macchine spiegata da Kevin Kelly nel 1996

Il fondatore di Wired più di venti anni fa aveva analizzato nel suo libro i sistemi biologici da cui l’uomo prende ispirazione per creare macchine intelligenti. Nella civiltà del futuro la distinzione tra naturale e artificiale sarà sempre più sottile

La tecnologia nella civiltà neobiologica | Le macchine con competenze ispirate agli esseri viventi

Cosa ci ha lasciato la tecnologia da quando è entrata nelle nostre vite? Non molto di nuovo rispetto a quanto il meccanismo della vita aveva già configurato, a quanto pare. Il fondatore di Wired, il quotidiano americano di informazione scientifica avveniristica, già nel lontano 1996 profetizzava la nascita di una civiltà neobiologica, nella quale le macchine progettate dall’uomo saranno sempre meno distinguibili dalle forme di vita. A parlarne adesso, con l’exploit dell’intelligenza artificiale che si insinua nelle abitudini quotidiane delle persone, pare quasi una previsione scontata. Ma di scontato ha ben poco.

La civiltà neobiologica di cui parla Kelly ha come filo conduttore la vittoria della biologia sulla macchina, che come un flusso senza inizio né fine porta via con sé tutto quello che trova sulla sua strada

Nel libro che Kevin Kelly pubblicò, “Out of Control. La nuova biologia delle macchine, dei sistemi sociali e del mondo” si parla di una tecnologia che per crescere ha bisogno dell’intelligenza della biologia. La logica di “Bios”, ovvero l’intelligenza della vita, è qualcosa di molto complesso che aiuta la tecnologia a imparare alcune funzioni esclusive degli esseri viventi: la capacità di autoriprodursi, di autoripararsi, di evolvere e di apprendere. Il trasferimento di tali competenze sarà necessario perchè l’uomo ha creato sistemi sofisticati di intelligenza artificiale, che per essere veramente utili, dovranno essere dotati della parvenza del miracolo della vita.

Tecne e Bios insieme per una nuova forma di intelligenza

D’altronde fin dagli albori della civiltà l’uomo si rifaceva ai sistemi naturali per capire il mistero dell’esistenza di ogni cosa. Poi sono nate le macchine, è nata la tecnologia, la logica di “Tecne” ha creato sistemi complessi che spesso hanno sostituito l’intelligenza umana nello svolgimento di alcuni compiti. La bioingegneria ha modificato alcuni processi vitali. Ma nel prossimo futuro sarà necessario il procedimento inverso, ovvero quello che trasferisce il sapere biologico a quello artificiale. Le macchine, sempre più complesse, saranno più vicine ad un metodo di “funzionamento” proprio degli organismi viventi. Allo stesso tempo ciò che è biologico subirà forme sempre più sofisticate di ingegnerizzazione. La civiltà neobiologica di cui parla Kelly ha come filo conduttore la vittoria della biologia sulla macchina, che – come un flusso senza inizio né fine – porta via con sé tutto quello che trova sulla sua strada.

RELATED: La Transizione Ecologica guida la Green Economy | Da Giraud a Macron nuove prospettive per il futuro dell’economia sostenibile

La natura, così duramente sfruttata dall’uomo, avrà la sua rivincita nel lungo periodo. Anche l’intelligenza artificiale dovrà piegarsi alle leggi che governano la vita sulla terra, probabilmente connesse con le stesse che hanno ragione di esistere anche nell’universo. Il modello economico tradizionale, come spiega il fondatore di Wired nel libro, ne verrà profondamente intaccato, così come il modo di captare e produrre innovazione. Come viene ricordato nel saggio di Kelly, la natura non è solo una banca dati di geni e ed ecosistemi da preservare, è preziosa per trarre testimonianze, paradigmi e teorie. Distruggere le sue traccie, così come le tracce delle civiltà che ne hanno tratto significato, equivale a distruggere una possibilità di capire dove siamo e dove stiamo andando. Dunque Il futuro che la civiltà neobiologica ci prospetta non fa più paura a chi aveva paura delle macchine, ma forse farà paura a chi teme l’imprevedibilità della vita.

Stephen Hawking è morto all’età di 76 anni. Al mondo lascia la sua ironia e l’invito a vivere il cambiamento come un’opportunità

Quali conseguenze porta il cambiamento nelle nostre vite? Da un genio dell’astrofisica un esempio di come la più grande sfida sia cavalcare gli avvenimenti avversi e guardare con lucidità quello che la realtà ancora può offrirci

La carriera di scienziato e la disabilità fisica di Stephen Hawking

Affrontare il cambiamento con generosità: è questa la chiave per superare le grandi difficoltà della vita. Stephen Hawking nella grandiosità delle imprese che è riuscito a portare a termine in 76 anni di vita ha colto l’obiettivo. A sbarrargli la strada il quadro clinico di una persona con una disabilità fisica, quella che l’ha portato a passare circa 50 anni della sua vita su una carrozzina, incapace di muoversi e di parlare. Stephen Hawking aveva un Q.I. simile a quello di Albert Einstein o Isaac Newton, ma questo non basta da solo per fare della propria vita un simbolo di curiosità verso l’ignoto, di sfida all’incomprensibile.

Nel suo mondo fatto di numeri e formule non c’era spazio per il rimpianto di quanto aveva perduto, ma solo per quello che non sarebbe riuscito ad ottenere

La diagnosi e la tecnologia a supporto dell’opera di divulgazione

Hawking affermava che “l’intelligenza è la capacità di adattarsi al cambiamento e per quanto difficile possa essere la vita, c’è sempre qualcosa che è possibile fare”. A 21 anni il giovane scienziato riceve la diagnosi di una malattia che non lascia via di scampo: l’atrofia muscolare progressiva, che lo porterà lentamente a perdere la capacità di muoversi. Pochi anni più tardi una tracheotomia subita in seguito a una polmonite lo rende muto. A questo punto la tecnologia entra in aiuto di quel ragazzo simpatico e con la battuta pronta e gli dona un sintetizzatore vocale che diverrà la sua voce per portare a compimento l’opera di divulgazione del suo sapere. Nel suo mondo fatto di numeri e formule non c’era spazio per il rimpianto di quanto aveva perduto, ma solo per quello che non sarebbe riuscito ad ottenere. Il suo corpo era lì, su quella carrozzina, ma la sua mente viaggiava ogni minuto.

RELATED: Green Thinking e ambiente. Quanto il pensiero verde ha a che fare con la sostenibilità e quanto ha assorbito dalla cultura popolare

Stephen amava viaggiare nel tempo e in un certo senso c’è riuscito, perchè ha superato il limite dello spazio ristretto della sua carrozzina ed ha esplorato quello senza limiti dell’universo

Il sapere senza confini di Stephen Hawking | Il viaggio nell’universo dello scienziato di Cambridge

Il 14 marzo 2018, giorno della morte di Stephen Hawking, il mondo lo ricorda con affetto, perchè quest’uomo fragile e potente allo stesso tempo ha voluto condividere da sempre il suo sapere con gli altri, attraverso la divulgazione letteraria, l’insegnamento e uno sguardo divertito sull’universo. Stephen amava viaggiare nel tempo e in un certo senso c’è riuscito, perchè ha superato il limite dello spazio ristretto della sua carrozzina ed ha esplorato quello senza limiti dell’universo. La vicenda di questo scienziato dimostra che il cambiamento nella nostra vita è solo uno stato mentale, in realtà si tratta del naturale decorso degli avvenimenti che prende direzioni inaspettate e un aspetto diverso da quello precedente. Anche in un’esistenza alternativa – in qualche luogo recondito del cosmo – Stephen Hawking non avrebbe potuto essere migliore di quell’uomo disabile che ha cambiato la storia dell’astrofisica moderna.